Ecco il nuovo consiglio di amministrazione dello Ski College Veneto di Falcade

L’ingresso di Valentina della ZoncaManuela XaizDavide PettiniCorrado Piscanec, la conferma di Monica Zorzini. Sono questi i nuovi membri del consiglio di amministrazione dello Ski College Veneto Falcade – S.C.S.D, eletti dall’assemblea dello scorso 8 giugno. Affiancheranno il presidente Luca Marchetto nella gestione della struttura della realtà agordina, dedicata agli sciatori – atleti che ospita ragazzi italiani ma anche stranieri.«Vogliamo proseguire nel percorso di rinnovamento e crescita dello Ski College avviato con successo dalla precedente governance, un lavoro che ha dato grandissime soddisfazioni» spiegano i quattro nuovi consiglieri. «Siamo entusiasti di collaborare con il presidente Marchetto e con i rappresentanti del comune di Falcade, Michele Costa, e dell’istituto Follador, Paolo Giovanni Zanin, e il rappresentante della Provincia di Belluno, e di dare il nostro apporto allo sviluppo del progetto Ski College, che vede gli atleti al centro di un percorso agonistico e scolastico di eccellenza permettendo a ciascuno di seguire al meglio aspirazioni e talento, in un ambiente sereno, stimolante e controllato».«Una conduzione manageriale e per obiettivi è necessaria per gestire al meglio le attività della struttura dello Ski College, la complessità di tutte le fasi di preparazione e allenamento fino al momento delle gare, la costante relazione con l’istituzione scolastica. Una gestione che deve essere sempre aperta al dialogo, al confronto e alla ricerca di sinergie con tutti gli stakeholder: i ragazzi e le loro famiglie, gli allenatori e preparatori, il mondo della scuola, la Fisi e le amministrazioni pubbliche. Siamo pronti ad affrontare con passione la sfida delle prossime stagioni dello sci alpino, del fondo e dello snowboard perché gli atleti possano sempre essere soddisfatti della loro crescita personale, dei successi agonistici e dei risultati del percorso di studi prescelto».
Per approfondimenti sullo Ski College clicca qui.

Ilario Tancon

About the author